a seconda

Gerhard Richter, 'Sea' (1973)

Gerhard Richter, ‘Sea’ (1973)

a seconda del punto in cui mi guardo
e scivolo dalla cornea
e poi, trattenuto, un po’ dileguato,
sbiadisco nel silenzio,

e a seconda dell’orizzonte in cui ti pongo,
frammisto a rocce ed alberi,
a nostalgie che il tempo ti affligge
ecco, io sarò per te
indecifrabile rosario di devozione,
o una luna balbettante
tra la luce intermittente
delle lucciole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...