randagi

James Abbot McNeill Whistler, 'Notturno in nero e oro, fuoco d'artificio' (1875)

James Abbot McNeill Whistler, ‘Notturno in nero e oro, fuoco d’artificio’ (1875)

chiamarsi da lontano
riconoscersi randagi e acquietarsi
con te il dolore è un vorticare di foglie

in questi cunicoli sghembi
la parola è un’antica balbuzie
che sottraiamo ai vivi
quasi fossimo già morti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...