dono

Amy Bennett, 'Damages' (2012)

Amy Bennett, ‘Damages’ (2012)

le case, le porte,
le finestre occhieggianti,
la tenue vita che scorgo
a malapena tra le intercapedini.
in questo regno di silenzio
diffuso ai miei occhi
più nessuna parola d’amore
potrò pronunciare
– sigillate le labbra
ti basterà come dono
la mia presenza balbuziente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...