alfabeto (III)

Kazimir Severinovič Malevič, Quadrato rosso (1915)

la bocca reclama
prolungate pornografie epistolari.

bisogna pronunciare
le cose col loro nome,
e se per la fretta
capovolto fu il senso,
l’affetto sarà
un’invocazione muta
tra due fiori.

nessuna lettera
è al suo posto,
tutti senza un nome,
io senza di te.

funesto scrollarmi di dosso
l’imponderabile peso
della tua assenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...